quinta parte ...come sono nati i nomi dei vini ? fifth part ...How did the wine names come about?

Come sono nati i nomi dei vini?

G.F. Dal giorno che ha pigiato la Solaria, ogni domenica a tavola mio padre chiedeva agli ospiti di suggerire un nome buono per il suo vino, che ricordasse il mar Ionio e il caldo di quell’estate, finchè un giorno, un professore dice: “E lo chiami Solaria Ionica”. Mio padre brevettò subito il nome e per l’etichetta si rivolse ad famoso incisore, che ha le sue incisioni nella Basilica di San Gaudenzio a Novara. Il ’49 mio papà lo chiamava Torricella. Quando è uscita la legge delle DOC, mio padre ha voluto mantenere la dicitura Rosso da Tavola, perchè erano vini nati così. Per distinguerlo, abbiamo accolto il consiglio di Paolo Teverini, che ci ha suggerito di dedicarlo a nostro padre. “Barone54” era come lo segnava con il gesso mio padre sulla vasca. Il barone, ovviamente, era il Barone Bardoscia. La Canestra, infine, è il nome della nostra cantina a Salice Salentino.

How did the wine names come about?

G.f. From the day he lapped the Solaria, every
Sunday at the table my father asked guests to suggest a good name for
his wine, reminiscent of the Ionian Sea and the heat of that summer, until one day,
a professor says, "And you call it Solaria Ionica." My father immediately patented the
name and for the label turned to famous engraver, which has its engravings
St. Gaudenzio Basilica in Novara. '49 my dad called him
Torricella. When the law of DOC came out, my father wanted
keep the word Red Table, because they were wines born like this.
To distinguish it, we accepted the advice of Paolo Teverini, who
suggested to dedicate it to our father. "Baron54" was how he marked it with
chalk my father on the tub. The baron, of course, was Baron Bardoscia.
Finally, the Canestra is the name of our winery in Salice Salentino.